News

Insegnamento dell’inglese e DSA, una sfida tutta da giocare

15/05/2019

Conoscere la lingua inglese è fondamentale per tutti i bambini ed i ragazzi che si affacciano all’esperienza lavorativa di domani. E studiarla sin dai primi anni di scuola è altrettanto fondamentale, perché domani nessun adulto potrà ignorare l’inglese: l’università, il lavoro, ma anche certe relazioni sociali mediate dalla tecnologia hanno l’inglese come lingua franca. Non sapere l’inglese nel 2030 sarà come essere tagliati fuori da tutto.

LEGGI L'ARTICOLO

Adhd. I geni materni aumentano l’esposizione a rischi ambientali

10/05/2019

Le madri trasmettono ai loro figli le informazioni genetiche, e forniscono loro l’ambiente prenatale. Pertanto, è possibile che le associazioni tra i fattori di rischio ambientali della gravidanza e disturbi dello sviluppo neurologico del bambino non siano causali, ma determinati da un rischio genetico condiviso tra madre e figlio”

LEGGI L'ARTICOLO

I bambini con Dsa dovrebbero scegliere la scuola che desiderano

08/05/2019
di Silvia Finazzi

I bambini con Dsa (Disturbo specifico dell’apprendimento) sono persone intelligenti e, se opportunamente sostenuti, assolutamente in grado di partecipare in modo attivo alla vita della classe, di stare insieme ai compagni e di imparare. Per questo potrebbero scegliere l’indirizzo di studi che più sentono affine.

LEGGI L'ARTICOLO

Deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Una svolta grazie al brevetto Uniteramo

04/05/2019

Porta anche la firma di Claudio D’Addario – biologo molecolare dell’Università di Teramo – un brevetto per la diagnosi e per il monitoraggio dell’efficacia del trattamento del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) in soggetti umani, che sarà presentato a Milano dal 6 all’8 maggio in occasione di InnovAgorà, la prima piazza dei brevetti della ricerca e dell’innovazione tecnologica italiana.

LEGGI L'ARTICOLO

Bimbi iperattivi: al via la prima terapia senza farmaci

30/04/2019

Novità dagli Stati Uniti per la cura della sindrome da deficit di attenzione e iperattività(Adhd) nei bambini. È stata infatti approvata a prima terapia di tipo non farmacologico: si tratta di un dispositivo che stimola con bassi impulsi elettrici il nervo trigemino in grado di influenzare regioni del cervello che regolano l'attenzione e il comportamento.

LEGGI L'ARTICOLO

Il legame tra dieta e deficit di attenzione e iperattività

29/04/2019
di Eleonora Bolsi

Caratterizzato da livelli di disattenzione, disorganizzazione, impulsività e iperattività che rendono difficile svolgere una vita normale per le persone che ne sono affette, l’ADHD è un disturbo che avviene nella fase di sviluppo dei bambini. E che se non trattato rischia di diventare problematico anche per l’adulto.
Di ADHD sono affetti all’incirca il 5% dei bambini di tutto il mondo, ma le percentuali non sono chiare, perché in molti casi questo disturbo non viene diagnosticato in tempo.

LEGGI L'ARTICOLO

LA DIDATTICA INCLUSIVA PER BAMBINI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

10/04/2019
Save the children Italia

Dal 3 al 5% degli studenti vivono una diversità neuronale nell’apprendimento, hanno diverse specificità che non consentono quello che definiamo un “apprendimento tradizionale”. A volte vengono tacciati di pigrizia o di poco interesse andando a minare ulteriormente autostima e disponibilità nell’apprendere, altre volte vengono stigmatizzati come diversi.

LEGGI L'ARTICOLO

Alunni plusodotati (gifted children) riconosciuti dal Miur: da considerare nell’ambito dei BES

05/04/2019

All’interno del sistema degli alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES), il Ministero dell’Istruzione riconosce ora anche quelli plusdotati, cioè quelli con un quoziente intellettivo pari o superiore a 130. Un riconoscimento questo avvenuto con la nota n.562 del 3 aprile. Viene prevista anche la possibilità di redazione di un Piano Didattico Personalizzato, in una logica di personalizzazione degli apprendimenti.

LEGGI L'ARTICOLO

Esports, il primo obiettivo è il riconoscimento come DSA

26/03/2019

In Italia gli eSports non sono ancora discipline riconosciute dal CONI; attualmente, in àmbito eSports, vi sono delle associazioni che operano sotto l’egida di Enti di Promozione Sportiva riconosciuti dal CONI (come l’AICS, MSP, ASI).
il CONI riconosce come discipline sportive anche attività che non richiedono una componente fisica: dama, scacchi, bridge; o ancora discipline che non sono sport olimpici: bowling, rafting, arrampicata, ecc.

LEGGI L'ARTICOLO

C.R.E.A. INSIEME


SEDE CENTRALE DI BRESCIA

PRESSO: Istituto Petrarca
Via Fratelli Ugoni, 10 
25100 - BRESCIA 
 — 
Dal lunedì al venerdì
dalle 15.00 alle 19.00

SEDE DI ROÈ VOLCIANO

PRESSO: Fly High
Via Missana, 33 
25077 - ROÈ VOLCIANO (BS)
 — 
Lunedì, martedì, giovedì e venerdì
dalle 15.00 alle 19.00
C.R.E.A. INSIEME
COPYRIGHT © 2018 - C.R.E.A. INSIEME - Partita IVA:  03506640980